0
Background Image

PEPERONE DOLCE DI ALTINO: L’ORO ROSSO

Confezione di peperone dolce di altino secco a listarelle della tavola dei briganti

 Il Peperone dolce di Altino è considerato l’oro rosso d’Italia.

La diffusione di tale ortaggio nello specifico territorio di Altino (piccola cittadina della Provincia di Chieti) è da attribuire alle popolazioni serbo-croate che tra il XVI-XVII secolo, si rifugiarono in Abruzzo e Molise per sfuggire alla dominazione turca nei Balcani.

Si tratta di un Capsicum annuum, la semina si svolge a metà febbraio, il trapianto in pieno campo da metà aprile fino a metà maggio e la raccolta, a scalare, avviene dalla fine di agosto alla metà di ottobre. Dopo la raccolta si lascia essiccare in luoghi assolutamente privi di umidità.

L’oro rosso, ossia la polvere ottenuta dalla macinazione dell’ortaggio essiccato ha un sapore dolce ed una profumazione intensissima, caratteristiche uniche e distinguibili.

Nel 2006 il peperone dolce di Altino è stato inserito nell’Atlante dei prodotti tipici e tradizionali della Regione Abruzzo e dall’ Ottobre 2015 il peperone dolce di Altino è diventato presidio Slow Food.

Nel 2017 è stata fondata un’associazione di tutela: Nello specifico, l’associazione autorizza l’uso del suo marchio esclusivamente alle aziende che osservano il disciplinare di produzione stabilito; Il seme “Peperone Dolce di Altino, oasi di Serranella” è lo stesso da più di 150 anni e proviene da pianti madri sane. Ogni anno tutti i produttori selezionano le migliori piante dalle quali ricavare i semi per la stagione successiva.

​#ororosso

Fabio Innaurato
Fabio Innaurato

info@hidfood.com

No Comments

Post a Comment

Chinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish